Skip to content

l’invettiva

[in-vet-tì-va] s.f. Parola, frase o discorso con cui si inveisce contro qualcuno o qualcosa: scagliare un’i. contro qualcuno; uno scritto pieno d’invettive (dal Devoto-Oli on line)

***

CRISTO SI E’ FERMATO A EBOLI, MA IL TAV DEVE ARRIVARE A REGGIO CALABRIA

Chi ha detto che non rispetta le promesse? Lo aveva annunciato ed è stato di parola dissipando ‘sta mattina l’ ansia dei quadri calabri del Partitodellanazione che temevano avesse cambiato l’idea annunciata solo sette giorni fa – nell’occasione dello spot per il Ponte sullo Stretto “trasmesso” a margine della presentazione del Nuovo codice degli appalti…” Mi ridono dietro quando lo dico, ma il 10 marzo sarò in Calabria per ‘abbattimento dell’ultimo diaframma, dell’ultima galleria”…Forse proprio questa elementare constatazione – dovuta al fragoroso scoppio di risate che aveva contagiato tutta la stampa estera quando aveva annunciato che il 23 di dicembre avrebbe inaugurato la Salernoreggiocalabria – doveva averlo indotto, a caldo, a ripensarci. Poi la passione per la sfida (che del resto lo ha portato a scalare il partito di Dalema&bersani) ha preso il sopravvento. Ed eccolo a Mormanno (Cosenza) raccontato dalle colonne on line del “Quotidiano del Sud” (1), lo stesso che – solo ieri – paventava il forfait (2) mentre “salta i giornalisti assiepati e si infila nel tunnel” per raggiungere la solita comparsa (il Ministrocompetentedelrio, che ogni tanto viene da queste parti) e il da lui nominato nuovo presidente Anas: Gian Vittorio Armani (da non confondere con la famosa firma dell’alta moda). Ora Dio solo sa (assieme a Mariadefilippi alla cui scuola il premier si è formato) perché proprio sulla Salernoreggiocalabria (più ancora che sulla Costituzioneboschi e sulle leggi per i suoi amici finanzimmobilieri) abbia deciso di giocarsi la testa.  Noi comunimortali dobbiamo accontentarci della spiegazione “ufficiale”: che troviamo ancora sul quotidianocalabro particolarmente vicino nella circostanza: «La Salerno-Reggio Calabria è diventata il simbolo delle cose che non vanno. Alla stampa estera i giornalisti, quando ho annunciato per il 22 dicembre la conclusione dei lavori di ammodernamento e l’inaugurazione, si sono messi a ridere. E ridevano dell’Italia. In questo cantiere tagliamo i pregiudizi nei confronti del nostro Paese. Ci vuole un’Italia che corre e che fa le cose e non che ingrassa i conti correnti degli avvocati per le varie cause». E siccome a correre nell’immaginario italico è rimasta la Ferrari (messa svendita dal suo amico Marchionne) e il Tav (che pure lui stesso criticava – incautamente per iscritto – solo pochi anni fa) ecco la trasformazione in goal del suo stesso assist (in un crescendo di iperbole del televenditore che non ha bisogno di spin-doctor perché gli slogan migliori se li crea lui): “l’alta velocità non è possibile che si fermi a Salerno. Cristo si è fermato a Eboli e l’alta velocità di ferma a Salerno. Bisogna che arrivi a Reggio Calabria”.

1457613808566.jpg--renzi_in_calabria_per_inaugurare_la_galleria_di_mormannotutto_pronto_per_l_avvio_della_cerimonia_ufficiale

Tripudio di veline inviate dalla casa con pettorine arancione e regolamentare casco giallo (che nell’occasione il premier – a favore di selfie – non indossa). E via verso le magnifiche sorti e progressive dello Sbloccaitalia: Ci aspetta un ingorgo elettorale e il bancomat del Piddì dovrà lavorare a pieno regime.

Borgone Susa (lungo la Salernoreggiodelnordovest), 10 marzo 2016_ Claudio Giorno

link 1 – http://www.ilquotidianoweb.it/news/politica/745302/Renzi-in-Calabria-per-inaugurare-la.html

link 2 – http://www.quicosenza.it/news/le-notizie-dell-area-urbana-di-cosenza/cosenza/79912-renzi-ci-ripensa-torna-provincia-cosenza-visitare-la3

 ***

#ILCAVALCAPONTE

La statua del ''Cavallo morente '' di Francesco Messina, esposta all'ingresso della sede Rai di viale Mazzini a Roma, in una foto d'archivio. ANSA / GUIDO MONTANI

TELEVIDEO RAI: 03/03/2016 11:22-Renzi:

sì ponte Stretto ma prima strade “Il Ponte sullo Stretto verrà fatto. Prima, però, mettiamo a posto le strade di Sicilia, perchè se non riusciamo a unire Catania con Messina e Palermo di che cosa parliamo?”.

“Il 22 dicembre inauguriamo la Salerno-Reggio Calabria. Mi ridono dietro quando lo dico, ma il 10 marzo sarò in Calabria per ‘abbattimento dell’ultimo diaframma, dell’ultima galleria”, ha aggiunto il premier che ha definito “derby ideologico” il dibattito degli ultimi anni sul Ponte che dovrebbe collegare Calabria e Sicilia.

Fin qui l’Agenziatass delle Rai-riformata dal premier. Ma Marìodefilippi si è spinto oltre verso gli Amicidegliamici, cui voleva fare arrivare il suo messaggio forte e chiaro.

Ed è sceso nei dettagli: Ferma restando la pratica dell’appaltopermanente per cui chi se lo è comprato (Salini, assieme al relativo ramo d’impresa Impregilo dal Gruppogavio) può dormire sonni tranquilli e spolpare l’osso fino a succhiarne il succulento midollo, potranno essere introdotte alcune varianti nella griglia burocratica (per renderla più snella e soprattutto coerente con lo Sbloccaitalia): Brunovespa assumerà il ruolo di Generalcontractor. A Mauriziocostanzo verrà affidata la presidenza della Commissione di VIA del Ministerodell’ambiente. Per la delicata filiera dei finanziamenti pubblici (destinati ai privati) si potrà fare affidamento sull’ultimo acquisto del Peritodellanazione, Denisverdini che potrà avvalersi del mai dimenticato Pierfrancescopacinibattaglia per coordinare il pool internazionale di istituti di credito, con capofila la Banca di Ryad… Al Ministrodelrio – che oggi può avvalersi della pregiata collaborazione del Profcascetta (già “ministrodeltesoro” di Bassolino)  in sostituzione dell’infortunato Inegnerincalza – verrà chiesto di organizzare il gemellaggio siculocalabro per spegnere gli ultimi focolai di sindaci e cittadini contrari, coinvolgendoli nelle processioni votive in onore del Santopatrono di Cutrò…Quanto al rischio di infiltrazioni mafiose il premier ha tranquillizzato il fido Cantone promettendo lo sblocco dei fondi dell’autorità anticorruzione di modo che possa essere assunta l’intera troupe impegnata nei nuovi episodi del Commissariomontalbano.

Borgone Susa, 3 marzo 2016 – Claudio Giorno

Poscritto: il tono ironico dell’invettiva mal si concilia con la memoria dei sette ultimi morti causati da due giorni di pioggia su un paese che il premier e il suo gigliomagico stanno scegliendo come sterminare, se di democrazia, di fame, di salute o per “cause naturali” abbandonando definitivamente il territorio nelle mani degli Amicilobbysti…

***

FOTO DI GRUPPO (CON CANGURO)

Monica Cirinnà, la prima-firmataria del testo sulle Unioni civili accantonato per una settimana per la non disponibilità dei cinquestelle a prestarsi a votare l’ennesimo “emendamentocanguro” dei favorevoli  alla legge per cancellare si è sfogata – in un momento di grande amarezza – con il giornalista parlamentare del Corriere della Sera  Fabrizio Roncone che ne ha pubblicato il testo – sotto forma di intervista – sul giornale oggi in edicola. Si tratta di uno sfogo niente affatto scontato perché oltre ad esprimere amarezza nei confronti dei  senatori pentastellati se la prende anche e soprattutto con i suoi colleghi Piddì, ma non tanto con l’ala “cattodem” contraria per principio alla legge che equipara le unioni gay al matrimonio “tradizionale” consentendo anche la contestata  adozione di figli  ma soprattutto con quelli che scalpitano per conquistarsi un posto al sole, pronti a cavalcare canguri (ma persino una rana) pur di spiccare un salto verso agognati posti di potere.

Il virgolettato che segue (pur da lei successivamente smentito) lascia immaginare che il giornalista abbia registrato la conversazione: e se così fosse mette in luce tutto lo squallore che la spregiudicatezza renziana ha innestato su una pianta che aveva già subito profonde mutazioni genetiche nelle “precedenti gestioni”:disgustosi sia in Aula che fuori”.

GovCang

Una foto di gruppo in cui non sarebbe difficile isolare qualche vecchia conoscenza che barcolla su qualunque improvvisato sgabello pur di emergere tra le teste di coloro cui la statura (fisica, non certo morale) non fa difetto.

Borgone Susa, 18 febbraio 2016  – Claudio Giorno

***

L’UOMO DEL PONTE HA DETTO SI …(forse)

Laurenzie d’Arabia è andato a Riad a inaugurare la metro di Salini/Impregilo portando in dote al padrone della cordata la continuità della filera “Pontesullostretto” che, come la Salernoreggiocalabria, promette di aprire un altro flusso infinito di denaro pubblico da destinare ai profitti privati di banche & imprese amiche…

foto_471345_530x328

«Basta con polemiche di chi vuole bloccare tutto, quello che importa agli italiani è che le cose tornino a funzionare » ha sentenziato di fronte ad alcuni sconcertati principi sauditi già in imbarazzo per aver dovuto indossare  la pettorina rifrangente sulla  “kandura” e il casco antinfortunistico sulla “kufiya”…Poi ha provato a “piazzare” un altro po’ di armamenti made in italy per sostenere le disinvolte operazioni saudite in Yemen, qualche fuoristrada dell’amico “americano” per cui i bei discorsi sul rispetto delle donne, l’applicazione di diritti civili in luogo della legge del taglione ecc, son finiti in quella pattumiera che è diventata l’unità  dopo che è stata trasformata nell’organo del Partito della Nazione (con buona pace di Gramsci).

Borgone Susa, 10 novembre 2015  – Claudio Giorno

***

RIFORMA COSTITUZIONALE OCCULTA

art. 1:”L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”
è già stato annullato e così sostituito:
L’Italia è una Repubblica FUdemocratica, fondata SULL’APPALTO

Si firma la Costituzione italiana

Roma, 27 dicembre 1947: si firma la Costituzione italiana

Guardiamoci attorno: ogni giorno possiamo trovare una prova evidente di questa “riforma” avvenuta senza che la Boschi dovesse rovistare nei suoi studi di giurisprudenza, senza voti in Camera o Senato, senza che neanche la MinoranzaDem protestasse e un Espositolaqualunque o una Finocchiaroqualsiasi dovessero adoperarsi con canguri e mediazioni indecenti. E soprattutto senza che nessuno abbia promosso un referendum confermativo

Borgone Susa, 17 ottobre 2015 – Claudio Giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: