Vai al contenuto

GIÙ LE MANI DA MINNITI: “LIBERO” DIFENDE IL “SUO” MINISTRO

settembre 15, 2017
Il fotogramma (tratto da un fermo immagine della ripresa TV dell’ultima finale di Champions persa dalla Juventus a Cardiff contro il Real Madrid) fu postato sulla sua pagina facebook da un giornalista de l’Unità (di quel che restava all’epoca del giornale fondato da Antonio Gramsci). Fu usato per crocifiggere la sindaca di Torino – Chiara Appendino – “rea” di essere “in tribuna d’onore” a tifare la sua squadra mentre a Torino – in piazza San Carlo – si consumava una tragedia di dimensioni inimmaginabili e sulle cui cause regna ancora lo stesso buio di quella notte: dal 4 di giugno si attendono di ora in ora notizie dagli inquirenti, (in altre occasioni assai più ciarlieri).
Peccato che a pochissimi metri dalla Appendino fosse presente un altro politico che in tema di sicurezza dei cittadini (e in tempi di “terrorismo fai da te” che di piazze, strade, stadi e arene di concerti di tutto il globo ha fatto teatro). Il “ministro degli interni” che – per quanto riguarda l’ incolumità pubblica – ha responsabilità non meno pesanti di quelle di un primo cittadino:
il Ministrominniti (un po’ coperto nel fotogramma scelto dal cronista dem e dove il cerchietto l’ha messo chi scrive; sull’originale era evidenziata solo la sindaca…).
Ora gli esponenti “di sinistra” delle faide che si contendono quel che resta del piddì lo hanno preso di mira: gli addebitano di aver usufruito del più classico, ambìto (e oneroso) dei privilegi: un “volo di stato” per raggiungere il Galles dalla Calabria dove si trovava quel giorno in missione. E ”Libero” – il giornale della estrema destra dell’altra faida – di quel che resta di Forzitalia – si assume il gravoso compito di difendere il “suo ministro”: “Lui tifa Inter! Andò a Cardiff in rappresentanza del Governoitaliano” (Fonte lo sesso Viminale)…
Una appassionata difesa d’ufficio di quello che – si sente dire – Berlusconi vorrebbe premier di un governo di Grandecoalizione che faccia degli scafisti libici i nostri fidati interlocutori per fermare i migranti sullaQuartasponda (alla faccia delle anime candide di Medici senza frontiere e di chi si ostina a pensare con loro che – pur didisinfestare il Mediterraneo – l’italia e la UE stanno finanziando la costruzione e la gestione dei lager degli anni duemila).
Non sappiamo ancora quando andremo a votare, ma la “Campagnaelettorale” è ogni giorno più feroce… e la confusione sotto il cielo si fa ogni giorno più grande.
Borgone Susa, 15 settembre 2017 – Claudio Giorno
Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: