Skip to content

IL TESTIMONE

agosto 31, 2014

L’agosto autunnale del 2014 si accomiata con una giornata quasi afosa qui nel nordovest della penisola. Per un giorno – l’ultimo – fa quasi voglia di gelato. Il gelato divenuto per l’economist  il logo cui inchiodare l’immagine dell’Italia.  Un cono nelle mani del giovane premier letta-lecca che – coperto da un Hollande impettito sull’attenti e da una Merkel indifferente – non si accorge nemmeno d’essere a bordo di una barchetta di cartamoneta (un modesto taglio da venti euri) che sta miseramente affondando; colando a picco nonostante gli sforzi di un impiegato di banca, Mariodraghi, che usa un cestino per la cartastraccia come secchiello nel tentativo  – disperato – di svuotare il guscio ormai semisommerso…

165259276-3a0dc6ee-d4c4-41d2-8ec7-9bf696876114

Aver fotomontato un Renzie piccolo piccolo alle spalle del valletto della Merkel e col cono in mano credo sia stato molto più graffiante (e scoraggiante per i famosi “investitori esteri”) che se i migliori columnist avessero scritto – di qui alla fine dell’anno – un editoriale al vetriolo alla settimana contro di noi. Per non dire dell’”altro italiano” –  Draghi – col suo improbabile  secchiello in mano nello stesso giorno in cui il ministro dell’economia di Belino – Wolfang Schauble – dichiara che la BCE ha finito le munizioni…

Ma il comunicatore non si è perso d’animo: quel pomeriggio stesso, quello dello “Sblocchitalia” (l’ennesimo annuncio destinato a deludere più suoi i fans che ad aumentare l’ansia dei suoi detrattori) ha convocato un carrettino di una famosa “gelateria artigianale” nel cortile di Palazzochigi e ordinato un cono crema e limone (come solertemente precisato dal cronista-assaggiatore), aggiungendo piccato che della simpatica vignetta britannica quel che davvero gli pareva sgradevole era di avergli messo in mano un cono confezionato in luogo di quello artigianale che lui predilige…

La fine d’agosto è  segnata di solito da violenti nubifragi (quelli che ai giornalisti embedded contemporanei – perennemente ansiosi di scenari bellici – piace chiamare “bombe d’acqua”). Ma come sappiamo le ferie appena terminate (e già avare di risorse) sono state  alluvionate fin da luglio. Servono altri riferimenti-certi che restituiscano un po’ di sicurezza ai cittadini disorientati. Uno su tutti: la conclusione del meeting di CL, una conclusione col botto: Perché si è preso la scena il terzo “italiano” – quello “dimenticato” dalla rivista della city – Che ha addirittura dato l’impressione di voler raccogliere il testimone messo nelle mani dell’apprezzato (ma non troppo) rottamatore: “io sostengo tutti quelli che s’impegnano a fare le cose. Ma non sopporto più di vedere gente con il gelato, barchette e cavolate. Voglio essere orgoglioso di essere italiano, di poter dire che siamo veramente bravi come gli altri perché lo siamo”.

BELGIUM-EU-INDUSTRY-SECTOR-AUTO

I finanzieri di sua maestà sono avvisati. Basta continuare a ironizzare sulla italietta degli eterni gattopardi – vecchi e giovani – incapaci di “fare le riforme” (leggasi mettere sui  banchetti del mercatino delle pulci tutto quel che ci rimane):

i risparmi di quei cittadini che ancora si ostinano a non spendere (nonostante gli ottanta euro generosamente elargiti appena un po’ prima delle elezioni);

ma soprattutto:
il costo insostenibile delle nostre pensioni, della nostra salute e della nostra insopportabile smania di istruzione e  cultura.

Se necessario ci penserà Lui stesso (appena finito il lavoro in FCA) a scendere in campo. E quel giorno i londinesi non affolleranno solo i dehors delle predilette gelaterie artigianali italiane, perché da Harrods andrà a ruba un articolo di abbigliamento intimo di straordinario glamour che è una esclusiva del made in italy: le mutande di latta.

Borgone Susa, 31 agosto 2014 – Claudio Giorno

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: