Skip to content

EVERSIONENOSTRA

maggio 13, 2013

Secondo il più recente rapporto reperibile sul sito del Ministero Dell’Interno (all’indirizzo http://www.interno.gov.it/mininterno/export/…/0900_rapporto_criminalita.pdf) i reati inquadrabili sotto la voce eversione sono si fonte di costante preoccupazione, Ma “i risultati investigativi conseguiti nei confronti delle BR-PCC ed i relativi riscontri processuali consentono di ritenere che il gruppo terroristico responsabile degli ultimi omicidi sia stato pressoché disarticolato”. Sono andato a cercare una fonte ufficiale e investigativa più che giudiziaria proprio per cercare di capire come vedono la situazione gli “addetti ai lavori”. Perché il singolo cittadino e in particolare chi come me “fa politica da sempre” ha le sue legittime opinioni, ma non sempre è in possesso di dati statistici per confortarle. Del resto Livio Pepino, magistrato fino al 2010, (è stato sostituto procuratore, giudice minorile e consigliere della Corte di Cassazione, presidente di Magistratura democratica e componente del Consiglio superiore della magistratura), e che è oggi responsabile delle Edizioni Gruppo Abele e direttore della rivista “Questione giustizia” (nonché presidente dell’Associazione studi giuridici Giuseppe Borrè) lo ha scritto nei suoi più recenti libri che non sono certo passati inosservati. Il penultimo, in particolare, “Forti con i deboli” pubblicato dalla BUR sostiene che l’opinione pubblica, “pressata da vent’anni di campagne mediatiche da parte di una destra ostile e di una sinistra che sembra unita solo nell’appoggio alla magistratura”, è stata indotta a pensare “che l’amministrazione della giustizia sia oggi votata al controllo dei poteri forti e resti a volte l’unico argine di fronte all’arroganza della politica: abbiamo sotto gli occhi maxi processi di mafia, inchieste sulla corruzione, indagini sulle condizioni di lavoro…mentre i risultati della giustizia nel contrasto dei poteri forti sono in realtà assai ridotti e, nell’ultimo decennio, in costante diminuzione”. Dato che trova  riscontro nel rapporto sopra citato. Che cosa voglio dire con quanto sin qui scritto (prevalentemente riportato): che non ho strumenti di analisi sufficienti per affermare se quel che si intende per eversione sia un pericolo in preoccupante aumento (fino al punto di far temere addirittura il ritorno “degli anni di piombo”, che nell’anniversario della vicenda-Moro può risultare particolarmente angosciante) o se invece tutto è talmente cambiato da autorizzare a ritenere irripetibile quella stagione… (e nonostante persino il governatore della BCE abbia pochi giorni fa ammonito “la sua parte” a cercare strumenti di ridistribuzione del reddito perché il cronicizzarsi della crisi potrebbe far esplodere tensioni sociali anche molto violente!).

Parlamento_ItalianoIo credo che il terrorismo e la violenza non solo non siano una cura delle aberrazioni sociali prodotte dall’ideologia neoliberista, ma siano il sintomo più evidente e terminale della patologia sociale incurabile che quel sistema (che avrebbe dovuto “autoregolarsi” secondo i suoi grandi sacerdoti) ha prodotto per la totale assenza di terapie derivante dalla progressiva scomparsa di ogni opposizione organizzata al modello dominante. E vedo quindi con assoluto favore il rinascere di una forte opposizione politica dentro e fuori i parlamenti perché la ritengo l’unico antidoto efficace contro l’autodistruzione cruenta di una società che è stata capace di globalizzare solo lo sfruttamento (come la terribile sciagura del Bangladesh ha appena certificato). Leggo, sento e vedo (e la nascita del governo delle larghe intese ha proprio questa “giustificazione ufficiale”) che invece la protesta sarebbe il prologo di ogni forma di degenerazione…Forse degenerato (ormai irrimediabilmente) è soprattutto chi ha questo concetto della democrazia e chi vorrebbe cancellare ogni forma di opposizione e con essa di controllo sociale sulla casta. Per costoro democrazia ed eversione paiono a volte essere divenuti addirittura sinonimo.  Quanto alla mafia, per chi afferma che “bisogna conviverci” è chiaro che non è eversiva: in fin dei conti ha sempre trattato con lo stato…
Borgone Susa, 13 maggio 2013 – Claudio Giorno

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: